Archivio tag: Philip Roth

#Donabol, un piccolo dono di sé

Quest’anno, al Salone del Libro di Torino, BOL presenterà l’iniziativa DonaBol attraverso la quale donerà 4.800 libri alle biblioteche di 4 scuole delle città di Milano, Napoli, Palermo e Torino.

Mi è stato chiesto di scrivere la mia lista e scegliere i 5 libri della mia vita. Non ho dovuto pensarci molto e in pochi secondi ho riassunto l’evoluzione della mia identità in 5 titoli.

In questo mio spazio personale, però, voglio condividere il perché.

  1. Un cuore così bianco di Javier Marías, perché è una scrittura che lentamente entra nelle viscere con il suo flebile fruscio e scorre lieve svelando la pesantezza di quel segreto che ciascuno si porta dentro.
  2. Pastorale Americana di Philp Roth, perché mi ha fatto amare per la prima volta le digressioni, perché  l’impulso irrefrenabile del raccontarsi ti avvinghia. Perché ti consola, perché nessuno è mai pronto alla vita. E poi perché ci sono un padre e una figlia che si amano.
  3. Il meglio che possa capitare a una brioche di Pablo Tusset, perché è frizzante. Perché restituisce il giusto glamour a situazioni surreali e stravaganti. E perché due anime diverse di due fratelli diversi sono la stessa anima. E perchè è semplicemente divertente.
  4. Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte di Mark Haddon perché nel nostro mondo interiore incomprensibile agli altri c’è un pizzico di genialità e non bisogna mai smettere di cercarlo. E perché mi manca Filippo.
  5. Mele Bianche di Jonathan Carroll, perché la vita è un caleidoscopio rotondo in cui la fine e l’inizio coincidono e in mezzo ci sono tanti colori che cambiano e brillano a seconda di come la tieni in mano. E poi perchè quando ho finito di leggerlo ho sentito il mio iiif, il nostro iiif.

 

Oggi, venerdì 13 maggio presso lo stand Bol.it (H126 J125) chiacchiererò pubblicamente con la scrittrice italo americana Ben Pastor in occasione dell’uscita del suo ultimo libro Il Signore delle Cento Ossa.
Se avete curiosità e domande da rivolgerle approfittatene.  :)